L'Associazione Tininiska Italia Onlus nasce dalla volontà di un gruppo di persone desiderose di occuparsi delle realtà piccole e lontane dallo sguardo dei mass media. Il suo nome prende spunto dalla parola Tininiska che, in lingua miskita, una popolazione indigena della costa atlantica del Nicaragua, vuol dire colibrì.

Le attività dell'associazione si basano principalmente su lavoro volontario.

Progetti “In Cammino”.

I progetti “ In Cammino” costituiscono un percorso che prende avvio nel 2009, a partire dal primo bando della Provincia di Roma, Prevenzione mille, nell’ambito dell’inclusione sociale. Questo cammino progettuale, che a oggi ha visto la realizzazione di due diversi progetti, nasce dall’idea di costruire una rete che metta insieme soggetti pubblici, del privato-sociale e privati competenti e sensibili alle problematiche della riabilitazione nel campo psichiatrico e dell’inclusione sociale. Il coinvolgimento dei pazienti nella costruzione del proprio progetto di vita è parte fondamentale dei progetti stessi, insieme alla consapevolezza e alla voglia di migliorare la propria qualità di vita.

Per informazioni sull'Associazione e le sue iniziative scrivete una e-mail a:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Per commenti o segnalazioni sul sito web scrivete a:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'Associazione Solaris Onlus

si è costituita nel giugno 2002, per iniziativa di un gruppo di familiari di pazienti inseriti nella Comunità Terapeutica di Via Sabrata (Roma), struttura residenziale del Dipartimento di Salute Mentale della ASL Roma/A.
Questo gruppo di familiari, coinvolti dagli operatori della Comunità nel trattamento e nella riabilitazione dei pazienti, in linea con le tendenze più avanzate della psichiatria contemporanea, si sono resi partecipi ed attori in prima persona dei processi di cambiamento.
Dall'interno dei servizi sanitari, essi hanno potuto inoltre constatare alcune gravi incongruenze del sistema di cura.
Nonostante il miglioramento clinico e la riduzione della disabilità, infatti, ai pazienti non può venir offerto un ulteriore segmento su cui continuare il processo di recupero: la dimissione dalla Comunità può avvenire solo con il ritorno del paziente nel nucleo familiare d'origine; ritorno reso impossibile, in molti casi, dalla carenza di un nucleo strutturato e stabile; in altri casi il rientro in famiglia può riattualizzare le dinamiche patologiche, vanificando di fatto il lavoro di anni in Comunità.
Ciò equivale, in altri termini, alla realizzazione di un obiettivo importante, oltre che costoso, destinato poi in gran parte a vanificarsi per assenza di una via d'uscita coerente e sostenibile: come costruire un ponte che termina nel vuoto: rendendolo, cioè, inutilizzabile.
Nella Psichiatria di Comunità, infatti, dovrebbe essere previsto, all'interno di una determinata area territoriale, un ampio ventaglio di soluzioni residenziali, caratterizzate da gradi decrescenti di protezione, in grado di "accompagnare" adeguatamente il paziente verso una vita più autonoma ed un certo grado di inserimento sociale.
La difficoltà di trovare vie d'uscita per la dimissione, rende i pazienti "non dimissibili", e tenuti a lungo termine in Comunità, con la conseguenza di passivizzarli ulteriormente, aumentare a dismisura i costi della cura e ridurre le prospettive evolutive. Peraltro, il blocco del turn-over impedisce ad altri pazienti e familiari che ne hanno bisogno, di accedere alla Comunità Terapeutica.
L'Associazione Solaris, con la collaborazione degli operatori della Comunità Terapeutica, ha ideato e realizzato un modello innovativo ed economicamente sostenibile, che consiste nella costruzione di progetti abitativi in appartamenti indipendenti, collocati nelle immediate vicinanze della Comunità e dei servizi psichiatrici. L'assistenza domiciliare, anziché essere standardizzata, diventa invece flessibile, costruita sulla base dei bisogni individuali, che possono variare nel corso del tempo. L'unico elemento stabile è invece la casa, che risponde ad un bisogno fondamentale per ogni cittadino per tutto il corso della vita.
Da queste basi si sono andati definendo il pensiero, l'attività ed il ruolo dell'Associazione, in particolare la necessità di un agire operativo che recepisce i concreti bisogni delle persone con disagio psichiatrico e dei familiari, nel tentativo di rispondere ai bisogni reali ed al rischio di emarginazione sociale della persona con disagio psichico.

L'Associazione si pone come interlocutore attivo dei servizi e come promotore e mediatore di iniziative, in collaborazione con altri soggetti (Servizi Istituzionali dell'ASL, Servizi Sociali dei Municipi Competenti di Zona, Enti Pubblici, Aziende, privato sociale, Volontariato ecc.) allo scopo di potenziare il ruolo degli utenti, di andare incontro alle loro autentiche esigenze, ascoltando la loro voce e i loro desideri per troppo tempo affievoliti dalla malattia e dal disagio sociale.

 

Il progetto si propone la realizzazione di 4 numeri di un giornale trimestrale di quartiere, attivando dei laboratori ad hoc a cui parteciperanno pazienti psichiatrici, familiari e volontari del settore. Il giornale vuole rappresentare uno strumento che,  avendo come cornice il II Municipio di Roma, informi sulla vita di quartiere attraverso lo sguardo e la voce di chi fa i conti ogni giorno con la sofferenza mentale.

ASSOCIAZIONE TININISKA ITALIA – Onlus
STATUTO

TITOLO I – Denominazione – Sede – Durata


Articolo 1

E costituita l’associazione denominata:

TININISKA ITALIA - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale

Essa si ispira al Decreto Legislativo del 4 dicembre 1997 n. 460 sul riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e alla legge 7 dicembre 2000 numero 383, Disciplina delle associazioni di promozione sociale.

Il progetto "Una scuola a Krukira per un futuro di Pace" si propone di rafforzare il ruolo della scuola della comunità di Krukira nella Regione Autonoma Nord del Nicaragua nella sua capacità di formare gli educatori ed innovare gli strumenti di comunicazione. Questo al fine di favorire il cambiamento sociale nella comunità con particolare attenzione al ruolo della donna, al contrasto del narcotraffico e alla salvaguardia dell’ambiente. Il progetto va in continuità alla costruzione della biblioteca nella Scuola Timbach di Krukira realizzata nel 2016 e con il progetto “Una radio per la Pace a Bilwi” realizzato nel 2017 che ha rafforzato le capacità trasmissive di Radio Caribe per l’importante funzione di sensibilizzazione delle stesse comunità su temi importanti. Entrambi i progetti nel 2016 e nel 2017 sono stati realizzati con il contributo della Tavola Valdese. 

Progetto “In Cammino 2”.

Il progetto “In cammino 2”, finanziato anch’esso dalla Provincia di Roma nell’ambito del Bando Prevenzione 1000 2012, nasce in continuità con il progetto "In Cammino". Il tema specifico del progetto riguarda il passaggio, complesso e difficile, dalla comunità al mondo esterno. Il progetto prevedeva l’avvio di tre laboratori integrati e paralleli e aveva come obiettivo finale quello di dare vita alla produzione di un libro sul tema di questo passaggio, sulle difficoltà e sulle sofferenze che comporta, e sulle esperienze concrete attraversate.

Il progetto si realizza in un  quartiere periferico di Roma, San Basilio, ed ha come obiettivo contribuire alla riduzione della povertà educativa dei ragazzi. Calendario e Laboratori

La Gabbianella Onlus, nata a Roma il 3 dicembre 1997, si propone di tutelare, promuovere e sviluppare la cultura del Sostegno a Distanza (SaD) quale pratica di solidarietà responsabile attraverso il coordinamento di una rete di Associazioni che realizzano Progetti di “Sostegno a Distanza” in circa 80 paesi di Europa, Asia, Africa e America Latina.
Il nome “La Gabbianella” si ispira al libro di Luis Sepùlveda “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, racconto incentrato sui valori dell’amicizia e della solidarietà.
La Gabbianella Onlus ha promosso la Carta dei Principi per il Sostegno a Distanza sottoscritta dalle Associazioni aderenti per tutelare i sostenitori – garantendo la trasparenza nella gestione e nella destinazione delle loro donazioni – e per garantire i beneficiari affinché abbiano l’opportunità di acquisire capacità e autonomia tramite progetti ispirati alle loro reali esigenze e seguiti e verificati dalle Associazioni.
La Gabbianella Onlus non ha scopo di lucro, neppure indiretto, ha finalità di solidarietà sociale; è un’associazione democratica, aconfessionale e apartitica e ha come principio fondamentale il rispetto dell’autonomia, dell’identità e della specificità delle singole associazioni e persone che ne fanno parte.
La Gabbianella Onlus coordina e rappresenta le Associazioni e le persone che ne fanno parte allo scopo di promuovere e favorire:
• gli interventi di Sostegno a distanza che nascano da esigenze reali in loco, che diano l’opportunità a chi è aiutato di acquisire capacità e autonomia, che coinvolgano le comunità locali, che siano seguiti e verificati da un referente in loco;
• l’Educazione alla Mondialità e alla Solidarietà affinché bambini e giovani imparino a vivere insieme nel rispetto reciproco e senza discriminazione;
• lo sviluppo equo nel campo sociale, economico e politico di ogni Paese nel rispetto delle diversità culturali;
• lo scambio di esperienze, la conoscenza, il confronto, lo spirito di amicizia e la collaborazione fra le associazioni, valorizzando le reciproche differenze;
• una responsabile diffusione di notizie, anche da parte dei mezzi di comunicazione, sulle realtà più povere del mondo, nel rispetto della dignità umana e delle identità culturali delle persone interessate;
• la sollecitazione delle istituzioni locali, nazionali e internazionali ad azioni concrete nei confronti dei bambini, delle loro famiglie e comunità per intervenire nella soluzione del grave problema dell’infanzia vittima di guerre, povertà, sfruttamento e abuso.

Anche quest'anno puoi destinare il cinque per mille dell'IRPEF all'Associazione Tininiska Italia ONLUS.

L’obiettivo generale del progetto “una Radio per la Pace a Bilwi” è quello di sostenere e rafforzare le capacità trasmissive di Radio Caribe in Puerto Cabezas (Bilwi), che è uno dei pochi mezzi di comunicazione in grado di contribuire alla promozione di una cultura di pace e di dialogo interculturale tra le comunità indigene della Costa Atlantica del nord del Nicaragua.

L'Associazione Tininiska Italia Onlus è composta da:

 

Consiglio Direttivo:

  • Antonella Cammarota. Docente di Sociologia all'Università di Messina (Presidente);
  • Gianpaolo Miele;
  • Donatella Barazzetti;
  • Lorenzo Ciofi degli Atti;
  • Valentina Raffa.

 Assemblea dei soci:

  • 19 soci attivi con diritto di voto.

Amici di Tininiska:

  • 12 amici interessati alle attività dell'Associazione che però non prendono parte attiva alle decisioni dell'Associazione (non hanno diritto di voto) e non sono tenuti al versamento della quota sociale.

Il progetto per la costruzione di una biblioteca nella comunità di Krukira è stato finanziato dalla Tavola Valdese nel 2015 per un importo di 13150 €. La sua realizzazione è iniziata nel mese di gennaio 2016 da un punto di vista della pianificazione delle attività, mentre da un punto di vista operativo è iniziato nel maggio 2016, dopo il ricevimento di una prima parte di finanziamento. 

L' associazione opera in Italia e Nicaragua, con progetti di diversa natura.

 

Vai ai progetti in Italia o a quelli in Nicaragua.

In parallelo al progetto di sostegno a distanza Tininiska, nel 2011 è stato attivato un altro mini progetto che potesse permettere la regolarizzazione dei documenti (in particolare i certificati di nascita) di alcuni dei minori del nostro progetto che ne risultassero sprovvisti.

L'Associazione Tininiska Italia collabora con la ONLUS Solaris in vari progetti che prevedono il reinserimento di pazienti psichiatrici in una realtà lavorativa e sociale.

L' Associazione Tininiska Italia collabora con La Gabbianella, coordinamento nazionale per sostegno a distanza, per condividere le modalità e le strategie per sostenere al meglio i minori nel mondo, a livello educativo, sanitario e per altri bisogni di prima necessità.

 

Da diversi anni l’Associazione Tininiska Italia ha consolidato un progetto di costruzione di abitazioni nella zona di Puerto Cabezas in Nicaragua, per quelle famiglie e quei minori più bisognosi e per coloro che hanno perso la loro abitazione in seguito a calamità naturali.

LAVORARE STANCA ?
Un progetto di reinserimento attraverso il lavoro.

Le testimonianze sono state raccolte e  redatte da Antonella Cammarota e Donatella Barazzetti membre del comitato direttivo dell'Associazione Tininiska Italia Onlus.

Una società globale ingiusta, nonostante le dichiarazioni internazionali, gli impegni dei governi, gli interventi delle istituzioni statali e sovrannazionali, costringe miliardi di essere umani a vivere in povertà, senza i diritti fondamentali, soggetti a discriminazioni, violenze e sfruttamento. Le immagini dei bambini delle periferie del mondo, le statistiche sulle morti e sulle diseguaglianze fanno ormai parte della coscienza del nostro mondo globale e sollecitano il bisogno di andare oltre le ideologie e le politiche e di intervenire in prima persona insieme alle tante altre persone che si avvicinano e si incontrano con più facilità grazie anche allo sviluppo dei mezzi informatici e di comunicazione. Le azioni di solidarietà si moltiplicano e in Italia portano alla crescita dei soggetti del privato sociale e a un maggiore coinvolgimento dei cittadini.

L’associazione Tininiska Italia ha iniziato un percorso per la verifica di eventuali problemi legati allo stato di salute dei minori coinvolti nel progetto di sostegno a distanza, con il fine di individuare i casi più critici e intervenire attraverso l'elaborazione di piccoli progetti mirati per interventi chirurgici, visite mediche specialistiche, ecc.

Sottocategorie